Progetto realizzato con il contributo del
Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale:
l’Europa investe nelle zone rurali

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
Rural 4.0

CONTANTI: cosa cambia per i pagamenti dall'inizio del 2022?

21 dicembre 2021
CONTANTI: cosa cambia per i pagamenti dall'inizio del 2022? -  Rural 4.0 | Confagricoltura Liguria

Nuova stretta sui contanti a partire dal 1°gennaio 2022. Più pagamenti tracciabili e sempre meno denaro contante è l’obiettivo dell’entrata in vigore dei nuovi limiti all’uso di banconote. E della conseguente modifica delle sanzioni per chi non rispetta le regole. La nuova soglia era già prevista da tempo, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge numero 157 del 2019. Recentemente, è stata confermata dal ministero dell’Economia e delle Finanze. Quindi, è stato ufficializzato che per i contanti cambia la soglia dei pagamenti portandola da 1.999,99 euro a 999,99. La precisione è importante perché può costare una sanzione: pagare 999,99 euro in contanti dal primo giorno del 2022 è lecito, pagare 1.000 euro, cioè un centesimo in più, no.

La nuova soglia dei contanti a 999,99 euro viene applicata per qualsiasi tipo di pagamento, cioè di passaggio di denaro tra persone fisiche o giuridiche. Questo significa che non solo l’acquisto di un bene o la prestazione di un professionista ma anche una donazione o un prestito a un figlio per una cifra di almeno 1.000 euro dovrà essere giustificato ed effettuato con un tipo di pagamento tracciabile, come un bonifico. Tuttavia, nulla cambia per quanto riguarda prelievi e versamenti in banca, poiché non si tratta di trasferimenti di denaro tra due soggetti diversi ma di movimenti che interessano una sola persona. Per capirci, sarà perfettamente lecito andare in banca a ritirare 1.500 euro. Quello che non verrà consentito è di utilizzarli tutti insieme per fare un solo pagamento. Potranno essere tenuti in casa per essere spesi un po’ alla volta entro la soglia stabilita.

Lo stesso vale per i versamenti. Poniamo il caso di chi ha ricevuto in contanti per la propria attività 500 euro, poi 400 euro e poi ancora 600 euro. In totale, 1.500 euro che possono essere versati insieme sul proprio conto corrente. Non viola le regole sull’uso dei contanti nemmeno fare 'un po’ e un po’', cioè fare un pagamento di almeno 1.000 euro utilizzando sia il cash sia uno strumento tracciabile. Ad esempio, per pagare un servizio che costa 1.800 euro è permesso consegnare al professionista 900 euro in contanti e 900 euro con un assegno, con la carta di credito o con un bonifico. L’importante è che la somma in contanti resti sempre al di sotto del limite di 999,99 euro.

Contanti: le sanzioni per i trasgressori

La nuova soglia di pagamenti in contanti deve essere rispettata non solo da chi paga ma anche da chi riceve il denaro: entrambi possono essere puniti nel caso in cui venga superato il limite di 999,99 euro. La legge prevede che con l’abbassamento del limite dei contanti diminuisca anche la sanzione minima. In sostanza: dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, la soglia per i pagamenti in cash è di 1999,99 euro, mentre la sanzione minima applicabile in caso di trasgressione (minima, non fissa) è di 2.000 euro. Ora, con il limite a 999,99 euro dal 1° gennaio 2022 il minimo edittale scenderà a 1.000 euro. Regola, però, non valida per i professionisti o per chiunque non segnali le irregolarità alle direzioni territoriali: in tal caso, la sanzione resta fissata da 3.000 a 15.000 euro, quindi con una soglia minima pari al triplo rispetto a quella prevista per chi commette la violazione.

Va detto, però, che sia chi trasgredisce la regola sull’uso dei contanti, sia chi non comunica l’irregolarità essendo tenuto a farlo può beneficiare dell’oblazione, anche se in maniera diversa. Per chi commette l’infrazione, la sanzione passerà da un minimo di 4.000 euro a 2.000 euro. Invece, chi deve comunicare un’irregolarità, sulla base delle attuali e future disposizioni, continuerà a pagare un minimo di 5.000 euro, pari ad 1/3 del massimo.

Le più lette

Vedi tutte
PSAMMbeach: le schede delle cultivar - prima
PSAMMbeach: le schede delle cultivar - prima
18 maggio 2022Progetti Europei
Agriturismo: dalla Regione Liguria tre milioni di euro sul PSR
Agriturismo: dalla Regione Liguria tre milioni di euro sul PSR
16 maggio 2022Rural 4.0
HACCP: due corsi gratuiti (rilascio e rinnovo) per dipendenti di azienda agricola. Iscriviti
HACCP: due corsi gratuiti (rilascio e rinnovo) per dipendenti di azienda agricola. Iscriviti
12 maggio 2022News
LA7: Euroflora 2022. L'allarme di Confagricoltura per l'export
LA7: Euroflora 2022. L'allarme di Confagricoltura per l'export
06 maggio 2022Dicono di noi
MISE: "Fondo Impresa Femminile" per avviare e rafforzare nuove attività anche nel settore della trasformazione dei prodotti agricoli
MISE: "Fondo Impresa Femminile" per avviare e rafforzare nuove attività anche nel settore della trasformazione dei prodotti agricoli
04 maggio 2022News
UNICREDIT: finanziamento di conduzione per la liquidità delle imprese agricole
UNICREDIT: finanziamento di conduzione per la liquidità delle imprese agricole
22 aprile 2022News
EUROFLORA 2022, Confagricoltura Liguria: eventi, colori e profumi per esaltare e rilanciare il florovivaismo nazionale
EUROFLORA 2022, Confagricoltura Liguria: eventi, colori e profumi per esaltare e rilanciare il florovivaismo nazionale
22 aprile 2022Comunicati
EMERGENZA COVID - 19: con la fine della stessa il 31 marzo 2022, cosa cambia sui luoghi di lavoro?
EMERGENZA COVID - 19: con la fine della stessa il 31 marzo 2022, cosa cambia sui luoghi di lavoro?
04 aprile 2022News
PSR INDENNITA' COMPENSATIVA AREE NATURA 2000: 400.000 euro dalla regione per le aree agricole e forestali
PSR INDENNITA' COMPENSATIVA AREE NATURA 2000: 400.000 euro dalla regione per le aree agricole e forestali
04 aprile 2022Rural 4.0
PSR AGRICOLTURA BIOLOGICA E ZOOTECNIA: 2 milioni di euro dalla Regione Liguria
PSR AGRICOLTURA BIOLOGICA E ZOOTECNIA: 2 milioni di euro dalla Regione Liguria
04 aprile 2022Rural 4.0

Network Confagricoltura

Agriturist Giovani di Confagricoltura ANGA ENAPRA

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
arrow-leftarrow-rightchevronclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-confagricoltura-ligurialogo-confagricoltura-liguria_negativenewsplaysearchsendsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-telegram-colorsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-whatsapp-colorsocial-youtube-colorsocial-youtube