Progetto realizzato con il contributo del
Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale:
l’Europa investe nelle zone rurali

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
Rural 4.0 - second edition

BANDO ISI INAIL 2023: tutto ciò che devi sapere

29 gennaio 2024
BANDO ISI INAIL 2023: tutto ciò che devi sapere -  Rural 4.0 - second edition | Confagricoltura Liguria

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 296 del 20 dicembre 2023 è stato pubblicato l'avviso per il Bando ISI relativo all’anno 2023, con il quale l’INAIL mette a disposizione 508,4 milioni di euro in finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Diverse sono le novità rispetto al Bando 2022 tra cui l’aumento degli importi finanziabili e dell’intensità degli aiuti, oltre che una nuova interfaccia del canale di comunicazione.

Le date di apertura e chiusura della procedura informatica per la presentazione della domanda saranno pubblicate entro il 21 febbraio 2024.

Come di consueto, le risorse finanziarie destinate ai progetti sono ripartite per assi di finanziamento e per regione/provincia autonoma, e verranno poi assegnate tramite “click day”, ovvero in ordine cronologico di arrivo della domanda.

Diverse sono le novità rispetto al Bando 2022  tra cui l’aumento degli importi finanziabili e dell’intensità degli aiuti, oltre che una nuova interfaccia del canale di comunicazione.

Nel rinviare ad un’attenta lettura dell’avviso consultabile nella pagina web del sito INAIL dedicata al Bando ISI 2023, si riassumono qui di seguito i principali elementi del provvedimento ISI 2023.

 

GLI ASSI DI FINANZIAMENTO

 

Le risorse messe a disposizione dall’INAIL (€ 508.400.000) vengono ripartite su 5 assi di finanziamento  come segue:

Asse 1.1 

Riduzione rischi tecnopatici 

€ 93.400.000 

65% dell’importo delle spese ammissibili

Asse 1.2 

Adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (c.d. compliance)     

€ 5.000.000     

Asse 2

Riduzione rischi antinfortunistici       

€ 140.000.000

Asse 3

Bonifica da materiali contenenti amianto

€ 100.000.000

Asse 4

Riguardanti micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività           

€ 80.000.000   

Asse 5.1          

Riguardanti la generalità delle imprese agricole      

€ 70.000.000   

65% delle spese ammissibili

Asse 5.2          

Riguardanti i giovani agricoltori organizzati anche in forma societaria       

€ 20.000.000   

80% delle spese ammissibili

 

Rispetto al Bando ISI 2022 - grazie ad un aumento di circa 200 milioni di euro - gli importi stanziati evidenziano un aumento su quasi tutti gli assi di finanziamento, anche di una certa rilevanza.

In particolare, il complessivo importo dedicato al settore primario – e finalizzato anche a rinnovare il parco macchine agricole per assicurare maggiore sicurezza – ammonta a euro 90.000.000 (nel 2022 erano 35.000.000), suddiviso poi in due sotto-assi, di cui uno dedicato ai giovani agricoltori (under 40).

Sale anche l’ammontare del finanziamento, che viene compreso tra un importo minimo di euro 5.000,00 e un importo massimo erogabile pari a euro 130.000,00, per tutti gli assi di finanziamento (i progetti appartenenti all’asse 5, nel Bando 2022, avevano un importo massimo erogabile di euro 60.000,00). Non è previsto il limite minimo di finanziamento per le imprese che hanno meno di 50 dipendenti che presentino progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Inoltre, la copertura del finanziamento a fondo perduto è del 65% delle spese sostenute per ciascun progetto afferente agli Assi da 1 a 5.1, e sale all’80% per i progetti rientranti nell’Asse 5.2 riguardante i giovani agricoltori (nel Bando 2022 l’intensità dell’aiuto era pari al 40% per la generalità delle imprese agricole e al 50% per i giovani agricoltori).

 

CONDIZIONI DI ACCESSO

 

Destinatarie degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura e, con alcune limitazioni, gli enti del terzo settore.

Ciascuna impresa potrà presentare una sola domanda, per un solo asse di finanziamento e per una sola tipologia di progetto.

Non possono accedere agli Assi 1 e 2 le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli; di contro potranno accedervi le imprese agricole con più di 50 dipendenti o che operino nel settore della silvicoltura o forestale.

Si segnala che quest’anno tra le micro e piccole imprese che possono partecipare all’Asse 4 sono indicate quelle che svolgono attività nel settore della pesca e dell’acquacoltura (con codice ATECO 03). 

Inoltre, possono partecipare agli Assi 1-2-3 e 4 solo coloro che non siano stati destinatari di finanziamenti a valere sui bandi ISI 2020, 2021, 2022; mentre per i soggetti destinatari dei finanziamenti di cui all’Asse 5 è ostativo il riconoscimento di finanziamenti sui Bandi ISI 2019/2020, 2021 e 2022.

 

REGIME DI AIUTI

 

Si evidenzia che i finanziamenti di cui agli Assi 1, 2, 3 e 4 sono erogati in regime “de minimis” nel rispetto dei regolamenti (UE) 2023/2831 , 1408/2013 , e 717/2014 . 

Per quanto riguarda l’Asse 5 (settore primario), anche per quest’anno i finanziamenti sono invece esclusi dall’applicazione del regime de minimis e, in virtù del Regolamento (UE) 2022/2472 - nel rispetto del quale vengono erogati - è possibile il cumulo con altri aiuti di Stato. Si tratta di un importante chiarimento pervenuto dall’Inail - anche grazie all’attività svolta dalla Confederazione nelle sedi competenti - alla luce dell’opportunità che da tale previsione discende a livello economico per le aziende del settore.

 

IN PARTICOLARE: I SOGGETTI DESTINATARI DELL’ASSE 5 (MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE)

 

Si ricorda che l’Asse 5, destinato alle micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, prevede che l’impresa debba essere iscritta nella sezione speciale del registro delle imprese o dell’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo (Imprenditori agricoli, Coltivatori diretti, Imprese agricole), sia in possesso della qualifica di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 c.c. e titolare di partita IVA in campo agricolo (qualificate come: Imprese Individuali; Società agricole; Società cooperative).

Le imprese destinatarie del sub Asse 5.2 (giovani agricoltori) devono avere al loro interno la presenza di giovani agricoltori (di età non superiore ai 40 anni) alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione delle domande. 

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 

 

Nel portale dell’Inail, nella sezione “Accedi ai servizi online”, le imprese potranno inserire la domanda in modalità telematica che prevede le seguenti fasi successive: 

- accesso alla procedura online e compilazione della domanda (con le modalità indicate negli Avvisi regionali) per acquisire il codice identificativo;

- invio della domanda attraverso lo sportello informatico per l’acquisizione dell’ordine cronologico attraverso l’inoltro del codice identificativo, da effettuarsi nei tempi e con le modalità che saranno indicate dall’Istituto (“Regole Tecniche e modalità di svolgimento”);

- ammissione agli elenchi cronologici;

- conferma della domanda (a pena di decadenza dal beneficio) tramite l’apposita funzione online di upload della domanda e della documentazione a suo completamento.

Quest’anno è prevista una eccezione alla procedura tradizionalmente utilizzata: le domande di finanziamento registrate per un determinato Asse/regione in cui le risorse economiche complessivamente stanziate risultino sufficienti a soddisfare tutte le richieste, non dovranno essere inoltrate tramite lo sportello informatico e saranno direttamente ammesse alla fase di upload della documentazione a completamento della domanda e riportate negli elenchi regionali/provinciali (c.d. “Elenchi capienti No Click Day”).

Nel sito dell’Istituto è pubblicato il calendario che riporta le varie fasi delle procedure informatiche, che viene costantemente aggiornato. Sul punto, l’Istituto ha comunicato di aver rinnovato l’interfaccia del canale di comunicazione (denominato “TouchPoint”), con l’obiettivo di ottimizzare il sistema di assistenza, semplificare la procedura e accelerare l’iter di istruttoria. 

Le date di apertura e chiusura della procedura informatica per la presentazione della domanda saranno pubblicate entro il 21 febbraio 2024.

Le più lette

Vedi tutte
INPS: decontribuzioni lavoratrici con figli
INPS: decontribuzioni lavoratrici con figli
27 febbraio 2024News
Confagricoltura Liguria: la Camera approva la legge delega sul Florovivaismo, settore trainante dell'agricoltura ligure
Confagricoltura Liguria: la Camera approva la legge delega sul Florovivaismo, settore trainante dell'agricoltura ligure
27 febbraio 2024Comunicati
PSR 2014 - 2020: apertura della misura 4.4 sui muretti a secco. Tutte le info
PSR 2014 - 2020: apertura della misura 4.4 sui muretti a secco. Tutte le info
26 febbraio 2024Rural 4.0 - second edition
Confagricoltura Liguria: richieste precise all'Unione Europea
Confagricoltura Liguria: richieste precise all'Unione Europea
26 febbraio 2024Comunicati
ISMEA INVESTE: interventi finanziari a condizioni agevolate e a condizioni di mercato
ISMEA INVESTE: interventi finanziari a condizioni agevolate e a condizioni di mercato
22 febbraio 2024Rural 4.0 - second edition
Confagricoltura Liguria: costi in rialzo per l'agricoltura e su 100 euro spesi dal consumatore, solo 6 vanno all'agricoltore
Confagricoltura Liguria: costi in rialzo per l'agricoltura e su 100 euro spesi dal consumatore, solo 6 vanno all'agricoltore
22 febbraio 2024Comunicati
ECONOMIA E PAC. La protesta: i "fatti" di Confagricoltura, cosa abbiamo fatto, facciamo e faremo. I documenti, i passaggi a Roma come a Bruxelles. I passaggi sui media, nazionali e liguri
ECONOMIA E PAC. La protesta: i "fatti" di Confagricoltura, cosa abbiamo fatto, facciamo e faremo. I documenti, i passaggi a Roma come a Bruxelles. I passaggi sui media, nazionali e liguri
14 febbraio 2024News
VITICOLTURA: dal 15 febbraio al 31 marzo 2024 la possibilità di presentare le domande per nuovi vigneti
VITICOLTURA: dal 15 febbraio al 31 marzo 2024 la possibilità di presentare le domande per nuovi vigneti
14 febbraio 2024Rural 4.0 - second edition
Primocanale: il direttore Andrea Sampietro a "Programma Politico"
Primocanale: il direttore Andrea Sampietro a "Programma Politico"
13 febbraio 2024Dicono di noi
RIFioriRe: la genesi del progetto, la storia della floricoltura, a cura dell'UniGe
RIFioriRe: la genesi del progetto, la storia della floricoltura, a cura dell'UniGe
13 febbraio 2024Progetti Europei

Network Confagricoltura

Agriturist Giovani di Confagricoltura ANGA ENAPRA

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
arrow-leftarrow-rightchevronclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-confagricoltura-ligurialogo-confagricoltura-liguria_negativenewsplaysearchsendsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-telegram-colorsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-whatsapp-colorsocial-youtube-colorsocial-youtube