Progetto realizzato con il contributo del
Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale:
l’Europa investe nelle zone rurali

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
Progetti Europei

RIFioriRe: la genesi del progetto, la storia della floricoltura, a cura dell'UniGe

13 febbraio 2024
RIFioriRe: la genesi del progetto, la storia della floricoltura, a cura dell'UniGe -  Progetti Europei | Confagricoltura Liguria

RIFioriRe, acronimo che sta per  Recupero e Introduzione di Fiori antichi e autoctoni nella Rete floricola del Ponente ligure è il progetto realizzato con il contributo del PSR 2014 - 2020 della Regione Liguria per ciò che attiene alla Sottomisura M10.2 – “Sostegno per la conservazione, l’uso e lo sviluppo sostenibili delle risorse genetiche in agricoltura” che comprende l’Intervento 10.2.A – “Interventi per la conservazione e l’uso sostenibile delle risorse genetiche vegetali in agricoltura”. Un progetto con capofila Confagricoltura Liguria e partners progettuali: CREA-OF, Giardini Botanici Hanbury (UniGe) e Vivaio Rebella.

Ma qual'è la storia della floricoltura ligure?

Il 1872, anno di inaugurazione del tratto ferroviario Genova-Ventimiglia, è considerato convenzionalmente l’anno di inizio della floricoltura moderna del Ponente ligure. La disponibilità di un mezzo di trasporto rapido quale la ferrovia, fu lo stimolo a trasformare le prime coltivazioni floricole in attività di coltivazione potenziate e una maggiore distribuzione del prodotto finale, capace di raggiungere quasi tutta l’Europa in tempi brevi mantenendone la qualità. Il trasporto dei fiori, prima del collegamento del Ponente ligure alla rete ferroviaria europea, avveniva tramite carrozze che non permettevano di consegnare i fiori in località troppo lontane dai luoghi di produzione. Neanche il trasporto marittimo dava soluzioni soddisfacenti, perché lento ed adatto solo a località vicine nell’ambito della costa ligure-provenzale. L’espansione della ferrovia indusse nella floricoltura un rapido cambiamento delle tecniche, sempre più specializzate nella coltivazione di definite specie e varietà orticole che si vennero a selezionare negli anni seguenti e che resero la produzione economicamente più vantaggiosa. Si arrivò progressivamente ad abbandonare ciò che era stato l’embrione della floricoltura locale: la coltivazione degli uliveti dei versanti terrazzati e ben esposti al sole invernale che permettevano di produrre vere primizie in tardo inverno e di sfruttare le stesse superfici con la produzione di ortaggi durante l’estate. Tracce di queste antiche coltivazioni sono ancora oggi reperibili a macchia di leopardo in vecchi uliveti che spesso si ritrovano in stato di abbandono.

Prima della floricoltura industriale dei primi decenni del Novecento, i primi prodotti del Ponente ligure erano fiori per mazzeria (fiori recisi di varie specie a costituire mazzi o bouquet). La produzione era facile, non dispendiosa e non necessitava di particolari protezioni se non l’utilizzo di stuoie e teli in caso di gelate notturne. Venivano utilizzate, inoltre, specie di facile propagazione e a sviluppo precoce (fioritura a febbraio, marzo) e, in base alle loro caratteristiche ambientali, alcune località del territorio si specializzarono in poche tipologie di piante. Bruno Filippi, nel suo libro del 1998 (Le Radici dei Fiori - Gli uomini e la storia della floricoltura del Ponente Ligure), riporta la coltivazione di Viola odorata (violetta) e Matthiola incana (viola ciocca, baico) in diverse varietà per le località di Terzorio e Riva, di Convallaria majalis (mughetto) a Camporosso, di Bellis perennis (pratolina) nell’entroterra di Bordighera, di Anemone coronaria (anemone) tra la Val Roja e la Val Nervia e di Tulipa clusiana (tulipano semplice) nei luoghi caldi lungo la costa tra Ventimiglia e Andora.

Queste ultime due piante sono attualmente oggetto del progetto PSR 10.2 “Rifiorire” che ha come obiettivo principale il recupero e la registrazione di antiche forme di anemone e tulipano utilizzate agli albori della floricoltura locale. La vasta gamma di specie e cultivar disponibili oggi sul mercato sono il risultato di un lento ma continuo lavoro dei floricoltori e degli ibridatori che hanno operato per decenni nel miglioramento varietale partendo da quelle forme antiche un tempo coltivate sotto gli ulivi per la mazzeria. Le specie del progetto sono state selezionate per essere recuperate, riscoperte, valorizzate, conservate per il loro valore genetico e ci si augura reintrodotte nella produzione moderna, perché facenti parte del patrimonio floricolo del Ponente ligure e in gran parte oggi dimenticate.

 

Bruno Filippi, 1998 -Le Radici dei Fiori. Gli uomini e la storia della floricoltura del Ponente Ligure. Ed. Dikronia, Vigevano.

Le più lette

Vedi tutte
MOSTRE E FIERE: Cannes Yachting Festival 10-15 settembre 2024. Come partecipare con Camera di Commercio?
MOSTRE E FIERE: Cannes Yachting Festival 10-15 settembre 2024. Come partecipare con Camera di Commercio?
09 aprile 2024News
PSR 2014 - 2020: al via le misure 12 e 13. Scadenza il 15 maggio 2024
PSR 2014 - 2020: al via le misure 12 e 13. Scadenza il 15 maggio 2024
09 aprile 2024Rural 4.0 - second edition
FISCALE: "Milleproroghe", le misure ed il focus sul comparto agricolo
FISCALE: "Milleproroghe", le misure ed il focus sul comparto agricolo
02 aprile 2024News
VITICOLTURA: OCM Vino - Bando per la presentazione di domande per Investimenti in cantina - campagna 2024/2025
VITICOLTURA: OCM Vino - Bando per la presentazione di domande per Investimenti in cantina - campagna 2024/2025
02 aprile 2024Rural 4.0 - second edition
PSR 2014 - 2020: al via la misura 10.2. Scadenza il 9 maggio 2024
PSR 2014 - 2020: al via la misura 10.2. Scadenza il 9 maggio 2024
01 aprile 2024Rural 4.0 - second edition
Confagricoltura Liguria: bene sospensione contributo Conai su vasi florovivaismo
Confagricoltura Liguria: bene sospensione contributo Conai su vasi florovivaismo
25 marzo 2024Comunicati
VARROSE: la prima newsletter del progetto
VARROSE: la prima newsletter del progetto
25 marzo 2024Progetti Europei
EVENTI: Meditaggiasca & Expo Valle Argentina Armea - Taggia, 11 e 12 maggio 2024. Come partecipare?
EVENTI: Meditaggiasca & Expo Valle Argentina Armea - Taggia, 11 e 12 maggio 2024. Come partecipare?
22 marzo 2024News
BONUS DIGITALE: come funziona?
BONUS DIGITALE: come funziona?
20 marzo 2024News
VITICOLTURA: etichettatura obbligatoria dell’elenco degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale dei prodotti vitivinicoli. Decreto Ministeriale 8 marzo 2024
VITICOLTURA: etichettatura obbligatoria dell’elenco degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale dei prodotti vitivinicoli. Decreto Ministeriale 8 marzo 2024
19 marzo 2024News

Network Confagricoltura

Agriturist Giovani di Confagricoltura ANGA ENAPRA

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
arrow-leftarrow-rightchevronclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-confagricoltura-ligurialogo-confagricoltura-liguria_negativenewsplaysearchsendsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-telegram-colorsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-whatsapp-colorsocial-youtube-colorsocial-youtube