news
RIFIUTI - MUD: pubblicato in GU il DPCM 23 dicembre 2020. Scadenza 21 giugno 2021
22/02/2021

RIFIUTI - MUD: pubblicato in GU il DPCM 23 dicembre 2020. Scadenza 21 giugno 2021

Si segnala che è stato pubblicato, nella G.U. n 39 del 16 febbraio 2021, il DPCM 23 dicembre 2020 recante “Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2021”.

In base all’articolo 6 comma 2-bis della Legge 25 gennaio 1994 n. 70, il termine per la presentazione del modello è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione e quindi al 16 giugno 2021.

Per quanto riguarda i soggetti obbligati e le esclusioni, oltre a richiamare per il settore agricolo il comma 6 dell’articolo 190 del D.lgs. 152/2006 come modificato dal D.lgs. 116/2020, si evidenzia che tali informazioni sono anche riportate nell’allegato 1 al DPCM che fornisce le istruzioni per la compilazione del MUD. In particolare, con riferimento alla comunicazione rifiuti (paragrafo 1.1 dell’allegato 1 DPCM 23 dicembre 2020) si riporta quanto segue:

Sono esonerati dall’obbligo di presentazione

- gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile con un volume di affari annuo non superiore a euro ottomila, le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi, di cui all’articolo 212, comma 8, del D.lgs. 152/2006, nonché per i soli rifiuti non pericolosi, le imprese e gli enti produttori iniziali che non hanno più di dieci dipendenti - le imprese e gli enti produttori di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184, comma 3, diversi da quelli indicati alle lettere c), d) e g) 

- i produttori di rifiuti che non sono inquadrati in un'organizzazione di ente o di impresa

Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, nonché i soggetti esercenti attività ricadenti nell’ambito dei codici ATECO 96.02.01, 96.02.02 e 96.09.02, che producono rifiuti pericolosi, compresi quelli aventi codice EER 18.01.03*, relativi ad aghi, siringhe e oggetti taglienti usati, quando obbligati alla comunicazione MUD, possono adempiere, anche ai fini del trasporto in conto proprio, attraverso la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione o dei documenti sostitutivi previsti dall’articolo 193 del citato decreto legislativo, o del documento di conferimento rilasciato nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui all’articolo183 del D.lgs. 152/2006 e successive modificazioni. 

Ne consegue che non sono avvenute modificazioni rispetto allo scorso anno rispetto alle esenzioni dalla presentazione del MUD.

Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, quando obbligati alla comunicazione MUD, possono adempiere, anche ai fini del trasporto in conto proprio, attraverso:

- la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione;

- dei documenti sostitutivi previsti dall’articolo 193 del citato decreto legislativo, o del documento di conferimento rilasciato nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui all’articolo183 del D.lgs. 152/2006 e successive modificazioni.

Tutta la documentazione è disponibile su apposita pagina della Gazzetta Ufficiale.