Progetto realizzato con il contributo del
Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale:
l’Europa investe nelle zone rurali

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
News

INPS: decontribuzioni lavoratrici con figli

27 febbraio 2024
INPS: decontribuzioni lavoratrici con figli -  News | Confagricoltura Liguria

Tra le novità previdenziali contenute nella L. 213 del 30 dicembre 2023 (Legge di Bilancio 2024), ve ne è una m olto interessante, ovvero la fruizione dell’esonero contributivo introdotto dall’art. 1, commi 180 e 181.

Si evidenziano qui di seguito gli aspetti di particolare rilievo da tenere presente per la nostra attività di consulenza.

1.         Esonero contributivo comma 180 – sperimentale dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026

L’esonero comma 180 trova applicazione, per le lavoratrici madri di tre o più figli, sino al compimento del diciottesimo anno di età del figlio più piccolo ed è sperimentale per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026.

2.         Esonero contributivo comma 181 – sperimentale dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024

L’esonero comma 181 trova applicazione anche per le lavoratrici madri di due figli, fino al compimento del decimo anno di età del figlio più piccolo ed è sperimentale per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024.

3.         A chi si rivolgono entrambi gli esoneri

Entrambi gli esoneri si rivolgono a tutte le lavoratrici madri - di tre o più figli - e in via eccezionale per quest’anno anche alle lavoratrici madri che abbiano solo 2 figli -  dipendenti di datori di lavoro sia pubblici che privati, anche non imprenditori, ivi compresi quelli appartenenti al settore agricolo, con l’esclusione dei soli rapporti di lavoro domestico.

Gli esoneri spettano anche alle lavoratrici madri con rapporto di lavoro a tempo indeterminato:

- part-time,

- di apprendistato,

- in somministrazione,

- instaurati in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro ai sensi della legge 3 aprile 2001, n. 142.

In caso di trasformazione del rapporto da tempo determinato a tempo indeterminato, l’esonero troverà applicazione a decorrere dal mese di trasformazione del rapporto di lavoro.

4.         Riconoscimento del requisito di essere madre di ……

In merito al riconoscimento del requisito di essere lavoratrice madre di:

- tre o più figli, (comma 180) il requisito si intende soddisfatto al momento della nascita del terzo figlio (o successivo) e la verifica dello stesso requisito si cristallizza alla data della nascita del terzo figlio (o successivo), non producendosi alcuna decadenza dal diritto a beneficiare della riduzione contributiva in oggetto in caso di premorienza di uno o più figli o dell’eventuale fuoriuscita di uno dei figli dal nucleo familiare o, ancora, nelle ipotesi di non convivenza di uno dei figli o di affidamento esclusivo al padre;

- di due figli, (comma 181) il requisito dell’essere madre di due figli si intende perfezionato al momento della nascita del secondo figlio e si cristallizza con riferimento a tale data, essendo irrilevante l’eventuale successiva premorienza di un figlio.

5.         Consistenza dell’esonero 

L’esonero fa riferimento alla quota di contribuzione IVS a carico della lavoratrice madre e l’abbattimento della contribuzione è fissato nel limite massimo di 3.000 euro annui, da riparametrare su base mensile.

La soglia massima di esonero della contribuzione dovuta dalla lavoratrice, riferita al periodo di paga mensile è, pertanto, pari a 250 euro (€ 3.000/12) e, per i rapporti di lavoro instaurati o risolti nel corso del mese, detta soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di 8,06 euro (€ 250/31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.

Tali soglie massime devono ritenersi valide anche nelle ipotesi di rapporti di lavoro part-time, per le quali, pertanto, non è richiesta una riparametrazione dell’ammontare dell’esonero spettante.

Per quanto riguarda il termine di applicazione delle misure, queste cessano al verificarsi della prima delle due scadenze individuate dalla norma. 

Nello specifico:

- l’esonero di cui all’articolo 1, comma 180, cessa di avere applicazione alla data del 31 dicembre 2026 o nel mese di compimento del diciottesimo anno di età del figlio più piccolo, qualora tale evento si realizzi prima della scadenza prevista del 31 dicembre 2026;

- l’esonero di cui all’articolo 1, comma 181, cessa di avere applicazione alla data del 31 dicembre 2024 o nel mese di compimento del decimo anno di età del figlio più piccolo, qualora tale evento si realizzi prima della scadenza prevista del 31 dicembre 2024.

La riduzione contributiva trova applicazione anche in favore delle lavoratrici che, nell’ambito del proprio nucleo familiare, abbiano bambini in adozione o in affidamento.

6.         Coordinamento con altri esoneri

L’esonero dei commi 180 e 181:

- È cumulabile con gli esoneri riguardanti la contribuzione dovuta dal datore di lavoro;

- Non è cumulabile con l’esonero previsto dall’art.1, comma 15, legge 213/23 (L. di Bilancio 2024) che riconosce per il 2024 la riduzione del cuneo fiscale a favore dei lavoratori la cui retribuzione non superi la soglia massima di 2.692 euro.

7.         Come richiedere l’esonero

Al momento manca l’applicativo Inps che consenta alla lavoratrice madre di fare domanda direttamente all’Istituto.

In alternativa – in attesa del messaggio Inps che informi sulla disponibilità della procedura - le lavoratrici pubbliche e private titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato possono comunicare al loro datore di lavoro la volontà di avvalersi dell’esonero in argomento, rendendo noti al medesimo datore di lavoro il numero dei figli e i codici fiscali di due o tre figli.

I datori di lavoro possono, conseguentemente, esporre nelle denunce retributive l’esonero spettante alla lavoratrice secondo le indicazioni riportate nella circolare Inps.

Le più lette

Vedi tutte
MOSTRE E FIERE: Cannes Yachting Festival 10-15 settembre 2024. Come partecipare con Camera di Commercio?
MOSTRE E FIERE: Cannes Yachting Festival 10-15 settembre 2024. Come partecipare con Camera di Commercio?
09 aprile 2024News
PSR 2014 - 2020: al via le misure 12 e 13. Scadenza il 15 maggio 2024
PSR 2014 - 2020: al via le misure 12 e 13. Scadenza il 15 maggio 2024
09 aprile 2024Rural 4.0 - second edition
FISCALE: "Milleproroghe", le misure ed il focus sul comparto agricolo
FISCALE: "Milleproroghe", le misure ed il focus sul comparto agricolo
02 aprile 2024News
VITICOLTURA: OCM Vino - Bando per la presentazione di domande per Investimenti in cantina - campagna 2024/2025
VITICOLTURA: OCM Vino - Bando per la presentazione di domande per Investimenti in cantina - campagna 2024/2025
02 aprile 2024Rural 4.0 - second edition
PSR 2014 - 2020: al via la misura 10.2. Scadenza il 9 maggio 2024
PSR 2014 - 2020: al via la misura 10.2. Scadenza il 9 maggio 2024
01 aprile 2024Rural 4.0 - second edition
Confagricoltura Liguria: bene sospensione contributo Conai su vasi florovivaismo
Confagricoltura Liguria: bene sospensione contributo Conai su vasi florovivaismo
25 marzo 2024Comunicati
VARROSE: la prima newsletter del progetto
VARROSE: la prima newsletter del progetto
25 marzo 2024Progetti Europei
EVENTI: Meditaggiasca & Expo Valle Argentina Armea - Taggia, 11 e 12 maggio 2024. Come partecipare?
EVENTI: Meditaggiasca & Expo Valle Argentina Armea - Taggia, 11 e 12 maggio 2024. Come partecipare?
22 marzo 2024News
BONUS DIGITALE: come funziona?
BONUS DIGITALE: come funziona?
20 marzo 2024News
VITICOLTURA: etichettatura obbligatoria dell’elenco degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale dei prodotti vitivinicoli. Decreto Ministeriale 8 marzo 2024
VITICOLTURA: etichettatura obbligatoria dell’elenco degli ingredienti e della dichiarazione nutrizionale dei prodotti vitivinicoli. Decreto Ministeriale 8 marzo 2024
19 marzo 2024News

Network Confagricoltura

Agriturist Giovani di Confagricoltura ANGA ENAPRA

Progetto realizzato con il contributo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali

Regione Liguria Repubblica ItalianaA Unione Europea PSR Liguria
arrow-leftarrow-rightchevronclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-confagricoltura-ligurialogo-confagricoltura-liguria_negativenewsplaysearchsendsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-telegram-colorsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-whatsapp-colorsocial-youtube-colorsocial-youtube