news
AREA TECNICA: Comitato Sorveglianza PSR 14 - 20 con vertici UE. Lo stato dell'arte
25.10.2017

AREA TECNICA: Comitato Sorveglianza PSR 14 - 20 con vertici UE. Lo stato dell'arte

Comitato di Sorveglianza del PSR 2014 – 2020 questa mattina a Genova. Un’occasione per fare il punto della situazione sullo stato dell’arte del Programma con i vertici europei (Filip Busz per l’UE) oltre alla Dr.ssa Maria Merlo degli Uffici Comunitari.

Presenti ovviamente i vertici politici e funzionariali dell’Assessorato.

Emerge un quadro con molte zone scure per il permanere delle difficoltà di giungere a poter spendere i molti soldi impegnati sulle singole misure.

A breve (fine novembre) l’UE incontrerà i vertici di Agea e il Ministro Martina per avere chiarimenti nel merito delle note e perduranti problematiche Agea. Di converso Regione ha preso impegni precisi sulla chiusura delle istruttorie che vedremo, si spera, dare presto i frutti dovuti.

Iniziamo con il dire che la Regione è ancora al palo per la spesa effettivamente sostenuta sul vigente PSR, anche se va sottolineato che altre Regione (di “area” Agea) maggiormente performanti al momento, lo sono perché nella loro “spesa” c’è una componente più o meno forte di “trascinamenti” ovvero pagamenti sul Programma attuale riferiti a domande del pregresso o attuate nel periodo di transizione.

Per la spesa sul “corrente” Programma, la Liguria è nella desolante media di quasi tutte le Regioni Agea.

Ad oggi sono stati emanati 41 bandi sul PSR 14 – 20 per importi complessivi disponibili di 192.140.000 €, che equivalgono a circa il 62% delle risorse a disposizione sull’intero PSR.

Le domande presentate sono 10.199, con una richiesta complessiva di 231.866.175 €.

Di queste domande 5.407 sono sulle misure a superficie di cui istruite 1.751, pari al 32 %, e 4.712 strutturali di cui 3.661 (grossa parte quelle sui “muretti”) istruite pari al 78 %.

Nel primo caso abbiamo già risorse liquidate pari a 2.686.000 €, nel secondo cifre impegnate pari a 44.279.000 €.

Sulle domande a superficie l’iter dovrebbe chiudersi per la disanima a fine novembre per le annate 2015 e 16 e, si spera, a gennaio per il 2017. Qui si è “condizionati” dal gestionale Agea.

Sulle misure strutturali, ovvero investimenti aziendali e insediamento giovani, si prevede di chiudere le istruttorie entro dicembre.

I futuri bandi emessi entro la fine dell’anno, saranno sulla misura 4.1 (investimenti aziendali) per 5 milioni di euro, la 4.3 (infrastrutture connesse allo sviluppo ed ammodernamento dell’agricoltura) per 6.5 milioni, la 6.1 (giovani) per due milioni e la 6.4 (agriturismo) per altri 2 milioni.