news
Stefano Mai nominato assessore all'agricoltura della Regione Liguria
07.07.2015

Stefano Mai nominato assessore all'agricoltura della Regione Liguria

STEFANO MAI E’ IL NUOVO ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA DELLA LIGURIA

CONFAGRICOLTURA LIGURIA, NELL’ESPRIMERGLI LE CONGRATULAZIONI PER LA NOMINA ED I MIGLIORI AUGURI DI BUON LAVORO, RICORDA IL RUOLO PRIMARIO DELL’AGRICOLTURA NELLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA LIGURIA E NELLA ”CUSTODIA DEL TERRITORIO”

La nomina di Stefano Mai ad assessore all’agricoltura della Regione Liguria è stata accolta con grande positività da Confagricoltura Liguria.

Il Presidente regionale Renato Oldoini nel messaggio di congratulazioni per la nomina e di augurio per il lavoro che attende il neo assessore, ha rimarcato “il ruolo centrale dell’agricoltura ligure nello sviluppo del territorio. Un binomio – ha proseguito il presidente di Confagricoltura Liguria – imprescindibile, dove le produzioni agroalimentari di eccellenza sono volano per il turismo verso l’interno della nostra Regione, al pari di come il territorio è quel retroterra fondamentale che arricchisce di gusti e sapori l’olio, il vino, le aromatiche ed i fiori di questa splendida regione”.

“Occorre – secondo Confagricoltura Liguria – che si torni a parlare di ‘politiche agricole regionali’ per le quali i fondi del Piano regionale di Sviluppo Rurale devono rappresentare il mezzo per la realizzazione delle stesse”.

Bisogna mettere mano alla pianificazione attenta del territorio dando all’agricoltura quel fondamentale ruolo di “custodia” che è valore aggiunto per la collettività. Si deve però incentivare il ritorno alle campagne con serie politiche di pianificazione urbanistica di questi territori, con un piano energetico che riporti il bosco ad essere risorsa attiva.

“Un’agricoltura moderna – secondo Confagricoltura Liguria – che deve basarsi sullo sviluppo delle eccellenze, sulle reti d’impresa per la penetrazione di mercati ormai globalizzati, laddove internazionalizzazione non è più il fuori Italia, ma il fuori Europa”.

Un chiaro disegno, quello di Confagricoltura, volto a dare un nuovo assetto moderno all’agricoltura ligure che faccia del “piccolo e bello” un modello virtuoso che in rete generi un volano di sviluppo.

“Bene – conclude Renato Oldoini – che il neo assessorato si chiami ‘sviluppo rurale’ quasi in simbiosi con quello dello ‘sviluppo economico’, sottolineando la primarietà economica dell’agricoltura”.

L’augurio di Confagricoltura è che il neo assessore Stefano Mai riesca a dare la “spinta definitiva” alla start up del nuovo PSR, dando linfa agli investimenti per l’innovazione di processo e di prodotto cui guardano gli imprenditori di agricoltura 3.0, quegli stessi che rendono il “made in Liguria” un brand riconosciuto in tutto il mondo, perchè in questa Regione si coltivano capolavori.