news
AREA AMBIENTE: valorizzare il ruolo degli agricoltori utilizzando l'innovazione e la ricerca nella chiave della sostenibilità, secondo Confagricoltura
08.06.2018

AREA AMBIENTE: valorizzare il ruolo degli agricoltori utilizzando l'innovazione e la ricerca nella chiave della sostenibilità, secondo Confagricoltura

“Gli agricoltori e i silvicoltori sono i principali gestori del territorio europeo e nazionale e svolgono un ruolo chiave nella gestione sostenibile delle risorse naturali e di tutela della biodiversità”. Lo evidenzia il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, nel 25° anniversario della ‘Giornata della Biodiversità’, istituita dalle Nazioni Unite, ricordando che le aree rurali rappresentano più del 90% del territorio europeo e nazionale.

“Senza considerare - aggiunge Giansanti - che le aree agricole ad alto valore naturale nel nostro Paese sono 6 milioni di ettari: una quota rilevante dell'intera superficie agricola nazionale, concentrata soprattutto nelle regioni centro-meridionali e lungo le dorsali degli Appennini e delle Alpi che rivestono un ruolo fondamentale come corridoi ecologici”.

Confagricoltura rimarca che la superficie agro-silvo-pastorale gestita dalle imprese agricole e forestali  è  uno dei pochi baluardi rimasti a contrastare l’espansione antropica principalmente di natura edilizia e che è un patrimonio inestimabile da conservare e valorizzare. Il risultato di una presenza umana millenaria che ha visto generazioni di agricoltori che  si sono succedute plasmando l’ambiente ed il paesaggio così come oggi lo conosciamo. Nelle stesse aree Natura 2000, che interessano un quinto della superficie nazionale, operano tantissimi agricoltori che, con le loro attività economiche perfettamente inserite in questi contesti, contribuiscono con il loro quotidiano impegno alla conservazione della biodiversità.

“Si tratta di attività – conclude il presidente di Confagricoltura - che meritano di essere valorizzate in chiave moderna recuperando la tradizione e la straordinaria biodiversità che possediamo, utilizzando la tecnologia, l’innovazione e la ricerca nella chiave della sostenibilità, sia per il loro valore economico ed occupazionale, che contribuisce alla crescita ed allo sviluppo del nostro Paese, sia per il loro positivo effetto in termini di tutela dell’ambiente e  benessere della collettività”.